Venezia: terra di gondolieri, di romanticismo, di ispirazione architettonica. È proprio da Venezia che arriva una tecnica di pavimentazione, antica quanto affascinante, ripresa e rivisitata oggi attraverso l’evoluzione dei materiali moderni. Parliamo del “battuto di terrazzo alla veneziana”, o più semplicemente “terrazzo alla veneziana”. Una pavimentazione che proviene dall’area veneziana e triveneta del Nord Italia.

Un lontano cugino del marmo

Andiamo ora ad esplorare da vicino la composizione tecnica del terrazzo alla veneziana, scoprendo di che materiale è fatto. Tale pavimentazione si compone di granulati di marmo e di pietre, legati tra loro con calce di ciottolo (o cemento) miscelata con graniglia e cocciopesto di fine consistenza. La calce idraulica viene impiegata tutt’ora come legante ma, per ottimizzare i costi, durante la posa in opera si utilizzano frequentemente cementi Portland a ritiro controllato. Altra trovata introdotta nel tempo nell’ottica del risparmio sono le formelle di graniglia. Una soluzione che ha avuto sostenitori, come anche oppositori. Per alcuni è stato uno svilimento del terrazzo alla veneziana in quanto prodotto artigianale; per altri, ne ha favorito la sua rapida diffusione e popolarità.

Un po’ di storia

Facciamo un passo indietro nel tempo. Il nostro amato terrazzo alla veneziana compare già nell’antica Grecia e poi, con l’epoca romana, trova diffusione anche in Italia. Inizialmente, il pavimento in battuto era semplicemente in cotto macinato - derivante da demolizioni o da scarti di lavorazione - legato con calce. Il successivo inserimento di piccole particelle di marmo sembra sia stato finalizzato ad aumentarne l’effetto estetico e la resistenza all’usura. Applicazione storica degna di nota sono le decorazioni artistiche di ville romane realizzate con tale tecnica. Anche il tipo di grana e di profilatura cambiano a secondo dell’epoca di riferimento. Nell’Ottocento, grana grossa con profilatura a tessere irregolari. Nel primo Novecento, grana fine, profilature con tessere regolari e decori in stile liberty.

Il terrazzo alla veneziana oggi

La caratteristica grafica del terrazzo è la texture irregolare, ed è ciò che lo rende così attuale oggi. Infatti stiamo assistendo ad un forte ritorno di questa finitura nella decorazione delle mattonelle, dopo anni di approccio minimale e monocromatico.
Non bisogna soffermarsi, però, al solo utilizzo come rivestimento; infatti questo materiale sta diventando sempre più di tendenza anche nel design del prodotto, con nuove collezioni, non solo per arredi ma anche per ceramiche, complementi per la casa e, grazie alla sua resistenza e versatilità, anche per i piani cucina.