“La filiale, il luogo fisico, diventa sempre più accogliente, idoneo ad ospitare l’incontro tra persone, il professionista e il cliente, in un contesto aperto, senza barriere, ospitale, che favorisca il dialogo e la qualità della comunicazione. La persona è al centro.”

Le parole di Alessandra Vitali Rosati, Amministratore delegato di Carifermo, introducono le linee guida definite da Carifermo per il rinnovamento del suo sistema bancario. Principi che hanno ispirato la progettazione architettonica della nuova Carifermo, affidata a Ossigeno: dapprima con la renovation della sede centrale di Fermo; poi, applicando lo stesso modello alla filiale di Campiglione (FM). Un’operazione di flagship design, dove l’identità e il mood costruiti per la sede centrale vengono riproposti all’interno delle filiali consociate, per dare forma a un sistema bancario integrato sul piano percettivo e valoriale. Un progetto sfidante e articolato, ma anche divertente per il team di Ossigeno.

Il concept di una banca territoriale.

Il nostro punto di partenza è stato quello di definire un concept capace di tradurre l’aspetto di una banca fortemente radicata sul territorio, con una storia alle spalle e un nuovo futuro da scrivere. Step successivo, la scelta di un asset semantico rappresentativo del nuovo modello di banca: ospitalità, prossimità, dialogo, vita sociale; sicurezza, passione, trasparenza; innovazione, presente, futuro. A questo, è seguita la definizione del topic principale. Dopo attente riflessioni, ci siamo accorti che tutto ruotava intorno a un concetto forte e distintivo, legato al territorio e all’identità marchigiana di Banca Carifermo. Ecco quindi l’insight: il paesaggio.

Colori vibranti e materiali naturali.

Il paesaggio come idea primordiale, da tradurre in teoria progettuale per far evolvere il concetto di banca. Da luogo umanamente freddo, remoto e ostacolante, a luogo accogliente e aperto alle relazioni, in cui trovare risposte efficaci e validi consigli. Il paesaggio diventa ispirazione spaziale, materiale e cromatica del nuovo concept. Questo si traduce nell’applicazione di materiali naturali quali il legno (a denotare autenticità), affiancati a materiali tecnici come il vetro (ad evocare trasparenza). Sul piano del colore, si è optato per cromatismi basilari. Il verde, a rappresentare il paesaggio e il colore corporate di Carifermo. Il blu, ad evocare il cielo e l’apertura a nuove prospettive.

Apertura alle relazioni, protezione della privacy.

Anche il layout architettonico è funzione del paesaggio. La distribuzione degli spazi crea un ambiente centrale, una nuova “piazza” aperta alle relazioni, che reinventa il concetto di attesa rendendola più piacevole. Intorno allo spazio centrale ruotano ambienti innovativi orientati alla persona. Come le aree didattiche a supporto dell’utente, per imparare a padroneggiare app e nuove tecnologie Carifermo. O le aree relazionali: spazi informali e accoglienti, veri e propri salottini riservati dove il cliente instaura un primo contatto empatico con la banca, nel massimo rispetto della privacy. Per tirare le somme, l’intervento effettuato da Ossigeno per Carifermo è stato svolto nel segno della creatività progettuale e della coerenza percettiva. Un lavoro che ridisegna lo spazio fisico e operativo di una banca che evolve, che abbraccia il territorio e lo proietta verso il domani.