La duplice natura del brand Guardiani

Guardiani è storia: oltre sessant’anni di cura artigiana nel segno della tradizione calzaturiera marchigiana. Ma è anche futuro: un approccio votato alla sperimentazione, sempre attento ai trend più attuali e proiettato ai mercati globali. Guardiani è casual: uno stile giovane e disinvolto, adattabile a svariati contesti d’uso e di vita. Ma è anche chic: una sobria eleganza che si impone, senza mai eccedere. Insomma, Alberto Guardiani è un brand che convoglia dentro di sé istanze differenti, ma non per questo inconciliabili, verso una perfetta sintesi stilistica..

Retail Design Blog premia Ossigeno

La rapida espansione di Guardiani sul panorama internazionale ha portato il brand a voler realizzare nel 2017 un Flagship Store all’interno dell’Akasya Mall: il moderno e monumentale shopping mall ubicato ad Instanbul, in Turchia. In questo progetto, Ossigeno è stato coinvolto per lo sviluppo del concept design e la realizzazione del flagship store. Il risultato del nostro lavoro è stato pubblicato dal noto Retail Design Blog, ottenendo così un prestigioso riconoscimento internazionale.

Verso l’armonia dei contrasti

Sulla base della dicotomia dei valori connotati dall’identità Guardiani, abbiamo identificato il concept “Binomio”, che ha ispirato la progettazione dello Store. Questa duplice natura emerge dal layout dello Store: continuo confronto tra elementi differenti che, nel loro insieme, generano assonanza. Un esempio su tutti: la differente funzione espositiva di mensole e nicchie viene armonizzata attraverso una resa estetica complementare. Il medesimo binomio viene applicato anche in fatto di colori e materiali. Oro abbinato a nero; legno abbinato a ferro; pelle abbinata a legno. Il loro match genera ambienti eleganti e accoglienti, evocando sensazioni domestiche e familiari. Il risultato finale per chi accede e fruisce dello store, è una piacevole sensazione di equilibrio all’interno del contrasto.

Casa naturale privata AC, realizzata da Ossigeno in collaborazione con l'Arch. Roberto Moschini